RSS

L’AUMENTO DELLE TEMPERATURE POTREBBE CREARE TSUNAMI NELLA REGIONE ARTICA

24 Gen

TSUNAMI COME QUELLI CHE HANNO COLPITO SUMATRA O IL GIAPPONE

Non hanno nulla a che fare con il cambiamento climatico. Sono fenomeni geologici. “Tuttavia, il processo di aumento delle temperature nella regione artica è in grado di produrre una serie di eventi che collegano il disgelo con le onde giganti”, ha spiegato Angelo Camerlenghi, ricercatore che parteciperà quest’anno e nel 2013 a delle spedizioni nel Artico per valutare il rischio di questa catena di eventi.7.000 anni fa, uno tsunami ha devastato le coste della Norvegia, della Scozia e delle Isole Faroe. “La causa è stata una valanga di sedimenti sotto il mare, migliaia di metri cubi oltre 300 km nel Mare di Norvegia, il cosidetto scorrimento di Storegga,” dice Roger Urgelés, ricercatore presso l’Istituto di Scienze Marine (CSIC). Secondo alcuni geologi, la frana è stata causata dalle scosse e dal rilascio di gas prodotti durante il disgelo, quando il ghiaccio preme sul fondo del mare e la temperatura sale. Questo è il possibile collegamento tra riscaldamento globale e maremoti generati da frane sottomarine. Questa possibilità è ancora più inquietante se si pensa che i cambiamenti climatici spingono la popolazione a vivere sempre più vicino alle zone dell’Artico, dice il geologo, e questo aumenterà il numero delle persone esposte al rischio.

IN ARTICO CI SONO SITUAZIONI DI GRANDE INSTABILITA’

“In Artico ci sono situazioni di grande instabilità, in alcuni sedimenti”, spiega Camerlenghi. Durante i periodi di massimo glaciale, il ghiaccio, “come un bulldozer”, trasporta sedimenti dalla piattaforma continentale, l’area sommersa vicino alla costa, verso l’area di scarpata continentale, con un inclinazione verso l’abisso, dove vengono depositati sedimenti più fragili. Quando la calotta di ghiaccio viene rimossa, la crosta ha meno pressione – “come se dovesse gonfiarsi,” dice Camerlenghi – il che provoca i terremoti. Allo stesso tempo, l’aumento della temperatura fa sì che il metano conservato passi ad uno stato solido, occupando un volume 160 volte maggiore”, spiega Urgelés. La combinazione di questi fattori può portare al crollo dei sedimenti lungo il pendio. Questo processo non si verifica nei ghiacci antartici perché non ci sono vecchi sedimenti, e le pendenze sono stabilizzate. Anche se altri ricercatori hanno definito improbabile ma non impossibile questa sequenza, Camerlenghi ritiene importante esplorare il fenomeno. Lo spostamento di Storegga è stato studiato dalla società che operava nel campo sottostante, e il team Camerlenghi ha rilevato tracce di valanghe prima di altri. Ma la spedizione che partirà quest’anno con le navi spagnole, e che continuerà con i tedeschi coinvolgendo scienziati provenienti da cinque paesi, sarà la prima dedicata esclusivamente a questo tema.

Fonte:http://www.thedayafter.it

redatto da Pjmanc  http://ilfattaccio.org

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 24 gennaio 2012 in Attualità

 

Tag: , , ,

Una risposta a “L’AUMENTO DELLE TEMPERATURE POTREBBE CREARE TSUNAMI NELLA REGIONE ARTICA

  1. icittadiniprimaditutto

    24 gennaio 2012 at 10:20

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: