RSS

UN HAMBURGER CHE NON PIACE A McDONALDS

09 Gen

IL COLOSSO AMERICANO HA DECISO DI DIFFIDARE “MAC BUN”

Un locale di Rivoli che propone panini fatti con carne di vitello di razza Piemontese, allevato dal titolare. Forse è colpa di quel nome che in dialetto piemontese significa “solo buono”, comunque il colosso americano ha deciso di diffidare “Mac Bün”, un locale di Rivoli che propone panini fatti con carne di vitello di razza Piemontese, allevato dal titolare. Graziano Scaglia è un allevatore di Rivoli, che già aveva avviato uno spaccio aziendale per la vendita diretta dei suoi prodotti, ha deciso di aprire una “agri-hamburgeria” nel centro del paese, dove proporre panini fatti utilizzando solo carne dei propri animali proveniente dalla propria azienda, oltre a verdure e formaggi rigorosamente prodotti dalle imprese agricole del territorio, pane artigianale e vino del Monferrato. L’idea ha subito riscosso un buon successo, circa 300 hamburger al giorno, serviti con formaggio piemontese fuso. Un ottimo esempio di filiera corta e una alternativa intelligente ai fast food tradizionali nei quali si serve cibo anonimo e indifferenziato, è il commento della Coldiretti, garantendo trasparenza ai consumatori, reddito agli agricoltori e occasione di sviluppo economico per l’intero territorio. Al momento però di depositare il nome della sua attività – Mac Bün Slow Fast Food -, l’allevatore piemontese ha però ricevuto una lettera dei legali della multinazionale con la quale si intimava di ritirare la richiesta in quanto il nome “Mac Bün” ricorderebbe troppo il marchio McDonald’s.L’allevatore si è difeso spiegando che il termine da lui scelto appartiene al dialetto piemontese e viene utilizzato solitamente proprio per riferirsi al cibo genuino, “solo buono” appunto. In attesa di dirimere la questione e inaugurare ufficialmente il suo ristorante, Scaglia ha per ora deciso di “censurare” il logo che identifica il locale, sostituendo le lettere “ac” di “Mac” con due asterischi. Intanto, aspettando l’esito della controversia, sicuramente l’intuizione dell’hamburger da slowfood non potrà che stimolare l’inventiva di altri allevatori ed incontrare il sostegno di chi ha un’ idea del cibo agli antipodi da quella proposta dalla catena Usa. Anche perchè siamo in Italia.

L’INCREDIBILE STORIA DI UN ALLEVATORE DELLA COLDIRETTI

Ha chiamato la sua attività dove serve agri-hamburger fatti con carne di mucca Piemontese “Mac Bun”, in dialetto “solo buono”, ma ora si è visto diffidare dal Mc Donald’s con la scusa che il nome ricorderebbe il marchio della multinazionale statunitense. E’ la storia di un allevatore della Coldiretti al quale il colosso statunitense ha deciso di muovere guerra. Graziano Scaglia, 39 anni, allevatore di Rivoli che già aveva avviato uno spaccio aziendale per la vendita diretta dei suoi prodotti, ha deciso di aprire una “agri-hamburgeria” dove proporre panini fatti utilizzando solo carne di mucca Piemontese proveniente dalla sua azienda, oltre a verdure e formaggi rigorosamente prodotti dalle imprese agricole del territorio, pane artigianale e vino del Monferrato. L’idea ha riscosso un successo clamoroso – evidenzia la Coldiretti -, con una vendita di 300 hamburger al giorno, serviti con formaggio piemontese fuso.Un ottimo esempio di filiera corta e una alternativa intelligente ai fast food tradizionali dove si serve cibo anonimo e indifferenziato – sottolinea Coldiretti -, garantendo trasparenza ai consumatori, reddito agli agricoltori e occasione di sviluppo economico per l’intero territorio. Al momento però di depositare il nome della sua attività (Mac Bün Slow Fast Food), l’allevatore piemontese ha ricevuto – spiega la Coldiretti – una lettera dei legali della multinazionale con la quale si intimava di ritirare la richiesta in quanto il nome “Mac Bun” ricorderebbe troppo il marchio McDonald’s.

L’ALLEVATORE SI E’ DIFESO SPIEGANDO

Che il termine da lui utilizzato appartiene al dialetto piemontese e viene utilizzato solitamente proprio per riferirsi al cibo genuino, “solo buono” appunto. In attesa di dirimere la questione e inaugurare ufficialmente la sua agri-hamburgeria – rileva la Coldiretti – Scaglia ha per ora deciso di “censurare” il logo sui suoi menu’, sostituendo le lettere “ac” di “Mac” con due asterischi.L’idea dell’allevatore piemontese – rileva Coldiretti – è un ottimo esempio delle possibilità dell’impresa agricola di accorciare i passaggi all’interno della filiera e offrire ai consumatori prodotto sano, di qualità, agricolo e al cento per cento italiano. Obiettivo che è al centro del progetto per una filiera agricola tutta italiana lanciato da Coldiretti per tagliare le intermediazioni ed arrivare ad offrire attraverso la rete di Consorzi Agrari, cooperative, farmers market, agriturismi e imprese agricole prodotti alimentari al cento per cento italiani firmati dagli agricoltori al giusto prezzo che è al centro del Forum Internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione di Cernobbio che si conclude il 17 ottobre.La speranza dell’allevatore piemontese è ora quella di poter vincere la battaglia contro la multinazionale. Magari come accaduto in Puglia, dove una “focacceria” tipica ha costretto un grande fast food straniero alla chiusura, tanto da diventare soggetto di un film.

tratto da http://it.greenplanet.net del 15 ottobre 2009

Redatto da Pjmanc  http://ilfattaccio.org

Annunci
 
4 commenti

Pubblicato da su 9 gennaio 2012 in Multinazionali

 

Tag: , , ,

4 risposte a “UN HAMBURGER CHE NON PIACE A McDONALDS

  1. icittadiniprimaditutto

    9 gennaio 2012 at 08:07

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     
  2. nemesisdesign2

    9 gennaio 2012 at 11:16

    AHAH sti bastardi del mcdonald stanno rosicando, in Bolivia hanno chiuso perchè nessuno vi mangia, spero che prima o poi questo avvenga anche in italia.
    Mc Donalds hai le ore contate.

     
  3. lk

    30 agosto 2012 at 10:45

    pure in sardegna e successa una cosa simile

    quegli scemi credono che decidano loro solo perchè hanno i soldi

     
  4. falcorosso

    30 agosto 2012 at 20:59

    MacDonald merita solo un cosa: essere ignorarto. Così se ne andrà da dove è arrivato. Italia non ha bisogno quella profonda non-cultura di riciclagio di rifiuti.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: