RSS

ITALIA – I PARADOSSI DELLA SANZIONE “LO SPINELLO PIU’ GRAVE DELLO STUPRO”

06 Gen

DAL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ARRIVA LA PROPOSTA DI PENE PIU’ SEVERE PER ALCUNI REATI

Ma il problema è più complesso, secondo il neonato Osservatorio dei diritti catanese. Che chiede: «Perché evasori fiscali o inquinatori in galera non ci vanno proprio?». Un paradosso, come quello di Piscicelli: nessuna sanzione per le sue risate mentre L’Aquila tremava, beccato invece in divieto di sosta con il suo elicottero. Il neo-ministro della Giustizia annuncia un inasprimento delle pene sui reati di corruzione e abuso in atti di ufficio. Cosa che probabilmente può avere un senso, anche se…In Italia il processo penale ovvero quella “cosa” che inizia con un fatto-reato, che passa da una denunzia, indagini della polizia giudiziaria, tre gradi di giudizio e si conclude con l’esecuzione della pena irrogata in caso di condanna è un sistema molto articolato e complesso .E’ una sorta di habitat naturale ove ogni singolo aspetto, ogni singolo passo, anche quelli apparente più leggeri e opportuni, può produrre effetti negativi nel lungo termine. E’ forse un’utopia – ma le utopie, oltre ad essere piacevoli, a volte magari si realizzano – ma un bel giorno mi piacerebbe che qualcuno cominciasse a parlare della Giustizia penale partendo dall’inizio del problema che poi è la fine: ovvero la pena. La sanzione. Le carceri.

ED INVECE SISTEMATICAMENTE

Si pensa di risolvere i problemi intervenendo a macchia di leopardo, senza una visione unitaria e soprattutto articolando normative sempre più complesse e di impossibile applicazione pratica che producono gli effetti contrari a quelli che si intendevano perseguire.Corruptissima res publica plurimae leges scriveva uno tanti e tanti anni fa.Parliamo di numeri, parliamo di sanzioni detentive.I numeri posso essere aridi ma spesso danno il senso, come in questo caso, dei paradossi sanzionatori italici.In Italia la pena minima per chi passa uno spinello ad un amico è di sei anni, se si stupra una persona si rischia di meno perché la pena minima è di cinque anni. Molto ma molto meno grave il fatto che un funzionario pubblico abusi del proprio ufficio: in questo caso la pena minima è di sei mesi (mesi). Se lo stesso funzionario accetta una mazzetta per compiere un fatto contrario ai doveri di ufficio (ad esempio rilasciare una concessione edilizia che non poteva essere rilasciata), la pena minima è due anni.Esiste poi, grazie la cielo, la “dosimetria sanzionatoria” ovvero il Giudice può, ove ne ravveda le condizioni, diminuire o anche aggravare le pene. Ma questo appartiene al Processo. Ciò che rileva è che i minimi sanzionatori (edittali) sono sintomatici del disvalore che lo Stato dà a determinati comportamenti. Una sorta di giudizio politico.

IN BREVE IN ITALIA E’ PIU’ GRAVE FUMARE UNO SPINELLO CHE STUPRARE UNA PERSONA

Effettivamente quindi un inasprimento delle pene per alcuni reati forse è necessario. Anche se forse è molto più necessario una attenuazione di pene, se non addirittura una abrogazione, per tanti reati. Non è detto, però, che gravità della pena, nel senso degli anni di reclusione, sia prodromico all’efficacia della sanzione. Spesso si dice che in galera non ci finisce più nessuno. E’ ovvio che cosi non è: le carceri stanno esplodendo, quindi qualcuno ci finisce. Bisogna capire chi e per quali reati. E’ esperienza comune che l’evasore fiscale, il pubblico funzionario corrotto, men che mai un inquinatore in galera non ci finiscono. Tra pena sospesa e affidamento ai servizi sociali (per non parlare della prescrizione) oltre che un certo atteggiamento “comprensivo” della giustizia, certi soggetti e per certe tipologie di reato, anche inasprendo le pene, in carcere non ci finiscono e, se ci finiranno, ci staranno pochi mesi. Quindi poco importa che io ho preso tre anni: carcere non ne farò.

E ALLORA ECCO CHE SI DOVREBBE DISCUTERE DI EFFICACIA DELLA PENA

Efficacia ai fini retributivi (punitivi) e rieducativi. In Italia è questa la doppia funzione della pena.Andando un po’ ad un sano qualunquismo chiedo a chi ha avuto la pazienza di leggermi sin qui che pena è efficace (evitando medioevalismi) per il signor Piscicelli.Che per chi non lo ricorda è quello che, quando a L’Aquila morivano centinaia di persone e una splendida città veniva distrutta, si ammazzava dalle risate pensando a quanti soldi si sarebbe fatto. Questo signore è tornato agli onori della cronaca qualche giorno fa, beccato in divieto di sosta con l’elicottero.Ecco, una bella sanzione per questa persona forse sarebbe stata quella di sequestragli, in attesa del processo che lo vede indagato, qualche bene (elicotteri, case) che si era procurato con le sue risate. Peccato che nessun magistrato ci abbia pensato prima. Forse senza il suo giocattolino il signor Piscitelli capirebbe un po’ di cose.

G.D’A. – Osservatorio dei Diritti Catania – fonte: ctzen.it

Redatto da Pjmanc  http://ilfattaccio.org

Annunci
 
3 commenti

Pubblicato da su 6 gennaio 2012 in Attualità

 

Tag: , , , ,

3 risposte a “ITALIA – I PARADOSSI DELLA SANZIONE “LO SPINELLO PIU’ GRAVE DELLO STUPRO”

  1. icittadiniprimaditutto

    6 gennaio 2012 at 22:12

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     
  2. Marco Galli

    7 gennaio 2012 at 19:45

    Purtroppo, spesso la reclusione “per lo spinello” corrisponde, anche a subire abusi e violenze in carcere:
    http://www.everyonegroup.com/it/EveryOne/MainPage/Entries/2011/6/12_Carceri_italiane__sovraffollamento,_suicidi,_stupri_e_violenze._Un_inferno.html

    Ogni anno gli stupri “denunciati” nelle carceri italiane sono 3000 e le guardie sono spesso conniventi: Specie nei confronti di detenuti giovani, che per paura e vergogna non li denunciano quasi mai, altrettanti casi di aggressione violenta, di cui soltanto 1900 denunciati.
    Molti giovani ragazzi stranieri vengono ridotti in schiavitù, molti per evitare lo stupro, compiono azioni di autolesionismo, mentre alcuni, per la vergogna, arrivano al tentativo di suicidio e spesso riescono a togliersi la vita.

    “Nel 2011 si sono verificati 340 tentati suicidi, sempre secondo i dati ufficiali, e 1.860 atti di autolesionismo. Negli ultimi vent’anni, più di mille detenuti si sono suicidati e almeno 20 mila hanno tentato di togliersi la vita. Vale a dire il 2% dei detenuti, una percentuale che non ha uguali non solo nel mondo democratico”

    (E questo dovrebbe essere un paese che si richiama alla cristianità, ma dov’è l’amore cristiano!
    Questa Italia è una dittatura da parte di pochi integralisti religiosi, perfettamente uguale al’IRAN, l’unica differenza è nel metodo di uccisione “rapida, per mezzo di una corda” o come da noi “lenta, in 6 per cella, a marcire per anni in una lurida prigione”, solo perchè ti sei drogato con una sostanza considerata illegale da uno stato e “per la morale di pochi ben-pensanti” non sei neppure degno di respirare la loro stessa aria!)

     
    • Marco Galli

      10 gennaio 2012 at 13:56

      Ancora oggi, in Toscana, un detenuto tossicodipendente si è suicidato (Davide), era in prigione per un piccolo furto ed è ha subito continui soprusi dagli altri detenuti; In Toscana i detenuti tossicodipendenti sono oltre 1500, un terzo della popolazione carceraria.
      In Italia un detenuto (spese fisse comprese) costa 157 euro al giorno.
      In Germania 87 euro, in Francia 71, in Inghilterra 74, in Spagna 46 euro.
      Dice don Gallo “non volete che rubi, dategli i soldi, vedrete che non ruba piú”: Dico io “basterebbe che il DPA facesse il suo lavoro (aiutare realmente i tossicodipendenti), non i propri interessi e non inviando centinaia di giovani (anche per uso di droghe leggere), verso i carceri e i lager di recupero”.
      “solo San Patrignano ha un fatturato di 30 milioni di euro e può contare su denaro pubblico, enormi donazioni e la manodopera gratuita fornita dagli ospiti”.
      L’interesse delle case farmaceutiche è nel non perdere gli enormi fondi per la ricerca su cancro, SM, per eroina e ricerca sui (cosiddetti) cannabinoidi sintetici” la cannabis, essendo una pianta, non può essere brevettata” e venduta a 20 € la pillola.
      Poi questi cannabinoidi sintetici (composti chimici pieni di effetti collaterali), vengono venduti all’estero e ci ritornano come smart-drugs (per avvelenare i nostri adolescenti).

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: