RSS

CELLULE FETALI IMPIEGATE NEGLI ALIMENTI

30 Dic

DOPO AVER PARLATO DELLA COCA- COLA E DEI SUOI EFFETTI

Non potevamo fare a meno di citare anche la concorrenza. Cosi, giusto per par condicio. Veniamo ai fatti. Pepscico ( pepsi company) e altre prestigiose marche come la Kraft e la Nestle sono accusate da associazioni pro-life di essersi associate a Senomyx, una azienda biotecnologica che utilizza cellule provenienti da feti abortiti, per la sperimentazione e la ricerca di aromi artificiali. Molte di queste associazioni ora chiedono il boicottaggio della societ° americana che sta finanziando la ricerca di senomyx utilizzando HEK-293 (cellule renali umane embrionali). La Senomyx afferma che l’utilizzo di recettori umani ( ricordiamo  di feti abortiti ) fanno in modo di fornire informazioni chimiche più favorevoli alla percezione del gusto.

LA PRESIDENTESSA DELL’ASSOCIAZIONE CHILDREN OF GOD FOR LIFE

ha riferito: “i gruppi pro-life hanno monitorato l’uso di cellule provenienti da feti abortiti in prodotti medicinali e cosmetici per anni appartenenti alla Senomyx”.  L’annuncio pubblicato da PepsiCo ha scaturito la rabbia pubblica all’inizio di quest’anno, quando ha risposto dicendo: “La nostra collaborazione con Senomyx è strettamente limitata alla creazione di bevande con meno calorie e un gusto migliore per i consumatori’. I gruppi pro-life hanno aggiunto che qualunque altra azienda collaborerà con la Senomyx verra al piu presto boicottata.Bradley Mattes, direttore esecutivo del Life Issues Instituteha dichiarato che questa è la prima volta un prodotto alimentare è stato pubblicamente associati con l’aborto. Senomyx dispone di 77 brevetti depositati presso l’ufficio brevetti degli Stati Uniti, 70 dei quali citano il loro uso di HEK (rene embrionale umano) delle cellule: Patent: 7,906,328, March 15, 2011 “Cell lines that express hetero oligomeric taste receptors.”

http://patft.uspto.gov/netacgi/nph-Parser?Sect1=PTO2&Sect2=HITOFF&u=/netahtml/PTO/search-adv.htm&r=10&p=1&f=G&l=50&d=PTXT&S1=Senomyx&OS=Senomyx&RS=Senomyx

Ci sono numerosi tipi di cellule moralmente accettabili che potrebbero essere utilizzate, come le ovaie di criceto cinese e, come Senomyx impiega in molti dei suoi brevetti, anche le cellule di insetto funzionano bene.  Ti va una Pepsi?

Matthiew – AltraNews

 Redatto da Pjmanc:  http://ilfattaccio.org

Annunci
 
6 commenti

Pubblicato da su 30 dicembre 2011 in Multinazionali

 

Tag: , , , ,

6 risposte a “CELLULE FETALI IMPIEGATE NEGLI ALIMENTI

  1. icittadiniprimaditutto

    30 dicembre 2011 at 09:15

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     
  2. Fabrizio Amicone

    30 dicembre 2011 at 12:40

    “Ci sono numerosi tipi di cellule moralmente accettabili che potrebbero essere utilizzate, come le ovaie di criceto cinese e, come Senomyx impiega in molti dei suoi brevetti, anche le cellule di insetto funzionano bene. Ti va una Pepsi?”
    in risposta a tutti i vegan e gli animalisti… scegliete, vi fa’ più schifo che si coltivi tessuto umano proveniente da aborti, o che si espiantino ovaie ai criceti, il che, “è moralmente accettabile” (secondo qualcuno) per testare una bevanda? 🙂

     
  3. Fabrizio Amicone

    30 dicembre 2011 at 12:51

    comunque… ed è solo una mia speculazione, ci sono milleuno motivi per boicottare pepsi, cocacola, nestlè ecc, ma scegliere un titolo fuorviante e tendenzioso per accaparrarsi “seguaci” (???)? non è proprio stiloso… non berrete o mangerete MAI cellule di origine umana negli alimenti. Qui si parla di sperimentazione su TESSUTI UMANI COLTIVATI , espiantati dagli ABORTI (proprio il tipo di test tanto acclamato e desiderato,* per quanto molto meno utile* da animalisti ed emotivi vari, che attaccano sempre e comunque la sperimentazione animale). Alla fine su qualcosa bisognerà pure testarle le sostanze, se adesso ispirano empatia e tristezza anche “le povere celluline coltivate”, allora siamo nella cacca. :_)))

     
  4. lisa

    30 dicembre 2011 at 23:43

    Alla fine su qualcosa bisognerà pure testarle le sostanze, se adesso ispirano empatia e tristezza anche “le povere celluline coltivate”, allora siamo nella cacca. :_)))

    ascolta…… Se è vero che sono solo esperimenti e che non berremo ne mangeremo mai cellule di origine umana negli alimenti,mi sento già meglio.. Ma mi chiedo quale sia la necessità di crearle queste cavolo di sostanze.. bisogna testarle…e chi lo dice che bisogna testarle? sarebbe molto meglio non crearle affatto e mangiare cose naturali. Poi la sperimentazione animale fanno benissimo ad attaccarla dato che è TOTALMENTE INUTILE!!
    Ma che discorsi fai?

     
  5. Alessandra

    1 gennaio 2012 at 22:22

    Approvo in pieno il pensiero di Lisa… oggi non servono sostanze nuove tantomeno da testare… oggi serve il “regresso” alle cose NATURALI, in tutti i campi applicati alla nostra esistenza. Primo di tutti il campo alimentare.

     
  6. Roberta

    17 gennaio 2012 at 22:20

    Quoto x il regresso.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: