RSS

IL MITO DELLE PROTEINE

27 Dic

LA DOMANDA CHE MOLTI SI PONGONO

E’senza la carne posso soddisfare il mio fabbisogno giornaliero di proteine? La disinformazione, in questo campo, raggiunge livelli spaventosi e, con un po’ di ricerca, si può scoprire che la maggior parte dei luoghi comuni che ogni giorno sentiamo sono soltanto falsità. Prima di tutto, analizziamo la definizione di “proteina”. Nel 1838, un chimico olandese, Gerrit Jan Mulder, isolò una sostanza contenente nitrogeno, carbonio, idrogeno, ossigeno e altri elementi in traccia. Egli dimostrò che questo composto chimico è la base della vita e lo battezzò “proteina”, che significa primo stadio. In seguito è stato dimostrato che le proteine sono essenziali per la vita: tutti gli organismi ne devono ingerire una certa quantità per vivere perché, si scoprì dopo, le proteine sono composte di amminoacidi, i “mattoni” su cui si costruisce la vita. Le piante sono in grado di sintetizzare gli amminoacidi, a partire dall’aria, dalla terra e dall’acqua; gli animali, invece, dipendono dalle piante per le proteine, o mangiandole direttamente o indirettamente attraverso la carne di altri animali che le hanno a loro volte mangiate e metabolizzate. Quindi solo in regno vegetale ha la capacità di produrre proteine. Gli uomini hanno la possibilità di scegliere se assumere le proteine direttamente dalle piante oppure indirettamente dalla carne macellata e con costi elevati (uno dei motivi per i quali la carne costa così tanto è che gli animali vengono costretti a ingurgitare spropositate quantità di proteine vegetali prima di raggiungere la stanza da macello). Non esistono quindi amminoacidi nella carne che non siano derivati dalle piante. Mangiare cibi vegetali ha l’ulteriore vantaggio di combinare gli amminoacidi con altre sostanze essenziali per la corretta utilizzazione delle proteine: carboidrati, vitamine, sali minerali, enzimi, ormoni, clorofilla e altri elementi che solo le piante possono fornire.

GLI AMMINOACIDI SONO 22

Di cui 14 “non essenziali” e 8 “essenziali”. “Essenziali” perché il corpo non può produrli autonomamente e ha bisogno di assumerli dai cibi. Gli amminoacidi “essenziali” sono: leucina, isoleucina, valina, lisina, triptofano, treonina, metionina, e fenilalanina. Fino agli anni ’50 la carne era considerata un’ottima fonte di proteine, in quanto contiene tutti e otto gli amminoacidi “essenziali”, ma al giorno d’oggi noi sappiamo che anche molti alimenti vegetali contengono tutti e otto gli amminoacidi (anche se non in proporzioni perfette), e in molti casi sono addirittura superiori, dal punto di vista nutrizionale, della carne. In parole povere gli amminoacidi “essenziali” esistono in abbondanza in alimenti senza carne. Quali? Il grano, i legumi i prodotti del latte sono tutti concentrati di proteine; trenta grammi di lenticchie o di arachidi, ad esempio, contengono più proteine di un hamburger o di una bistecca di maiale. Molte autorità in campo medico sono d’accordo nell’affermare che i singoli alimenti vegetariani contengono proteine più che sufficienti. Nel 1954 un gruppo di scienziati dell’università di Harvard intraprese uno studio specifico e scoprì che quando si mangiano insieme una certa varietà di verdure, cereali e prodotti del latte, la combinazione produce più dell’apporto necessario di proteine giornaliere. Il loro rapporto giungeva alla conclusione che, a dire il vero, è piuttosto difficile seguire una dieta vegetariana senza superare il fabbisogno proteico del corpo umano! Più di recente, nel 1972, il dottor F. Stare di Harvard ha condotto una propria ricerca sul consumo di proteine tra i vegetariani. Le sue scoperte sono sorprendenti: la maggioranza dei soggetti osservati assumeva il doppio del proprio fabbisogno giornaliero di proteine. In una serie di prove comparative condotte dal dottor Irving Fisher di Yale, i vegetariani risultavano di gran lunga migliori negli stessi test fisici proposti ai “carnivori”. Inoltre il dottor Iotekyo e il dottor Kipani, all’università di Bruxelles, hanno dimostrato che i vegetariani riuscivano a superare alcune prove di potenza fisica, protraendole per un tempo due o tre volte più lungo dei “carnivori” prima di stancarsi, e si riprendevano dalla fatica in un quinto del tempo necessario agli altri.

PER CONCLUDERE

E’ evidente che il luogo comune, ampiamente diffuso, che soltanto la carne contenga le proteine necessarie alla sopravvivenza dell’uomo è una menzogna derivata dall’ignoranza o dalla mala fede. Legumi come i fagioli, la soia, le lenticchie e i ceci contengono in proporzione addirittura più proteine di una bistecca. I vegetariani, spesso, superano il fabbisogno giornaliero di proteine, e di fatto non hanno alcun problema nutrizionale. Anzi godono di ottima salute, proprio perché non mangiano cadaveri di nessun genere e non costringono l’organismo a lavorare in maniera innaturale (vedi Gli effetti della carne sull’organismo). L’unica cosa che si richiede ai vegetariani è una minima conoscenza dei cibi che ingeriscono, e questo per evitare che siano carenti o eccedenti di proteine. Niente altro. Il problema, in realtà, è come al solito l’enorme interesse economico che ruota attorno alla produzione di carne. Il sistema, ormai consolidato, difficilmente potrà cadere. Se l’uomo non vuole sapere, non saprà mai.

FONTE :http://web.tiscalinet.it/vitasenzacarne/mito.htm

 Redatto da Pjmanc:  http://ilfattaccio.org

Annunci
 
20 commenti

Pubblicato da su 27 dicembre 2011 in Attualità

 

Tag: , ,

20 risposte a “IL MITO DELLE PROTEINE

  1. icittadiniprimaditutto

    27 dicembre 2011 at 11:27

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     
    • Miracle

      6 gennaio 2012 at 09:13

      Thank God! Someone with brains spkeas!

       
  2. Patrizia Sarcona

    27 dicembre 2011 at 11:34

    Benvenute le proteine vegetali!

     
  3. biochimica

    27 dicembre 2011 at 22:53

    grazie per l’eliminazione del commento!!!!!!

     
    • pjmanc

      27 dicembre 2011 at 22:56

      Io la laurea non ce l’ho…e non scrivo neanche gli articoli ,li abbellisco e basta.Se ai altro da dire rivolgiti alla fonte !!

       
      • angelo

        28 dicembre 2011 at 13:00

        @pjmanc:personalmente essendo vegetariano concordo con l’articolo, però censurare un commento può pregiudicare la credibilità dell’articolo alimentando un dubbio che il commento stesso potrebbe svelare sia a torto che a ragione.

         
      • xenlin

        28 dicembre 2011 at 19:20

        A volte non è la sostanza a dare fastidio ma come ci si pone.Poi controllando la mail con Email Checker Tools si scoprono molte cose.

         
    • Rowdy

      6 gennaio 2012 at 03:33

      Your asenwr shows real intelligence.

       
  4. Luck

    6 gennaio 2012 at 11:05

    The answer of an exeprt. Good to hear from you.

     
  5. sa

    7 gennaio 2012 at 09:17

    Io sono quasi vegana da 3 anni e sto benissimo, prendo le mie proteine dai legumi, dal tofu e dalla frutta secca. Checchè se ne dica ci ho guadagnato anche nel gusto. La ritenzione idrica è scomparsa completamente e ho un tono muscolare che fa invidia e eticamente parlando sono in pace con me stessa.Latte non ne bevo mai, le uova le ho praticamente eliminate(eccetto quando mangio alcuni dolci) e il formaggio lo mangio raramente.Il futuro è vegan e presto se ne dovranno accorgere tutti, devono!!! Perchè il nostro pianeta sta letteralmente soffocando per colpa degli allevamenti intensivi! La maggior parte della gente vive al cospetto dei pregiudizi e della gola e delle abitudini, che schifo!

     
  6. andrea

    5 febbraio 2012 at 10:28

    Chi e` l’autore?

     
  7. lucia

    18 aprile 2012 at 13:28

    oltre che dall’ignoranza o dalla malafede questa menzongna deriva soprattutto dalla disinformazione… purtroppo fin quando la televisione continuerà ad essere il primo strumento di comunicazione e d’informazione la voce dovrà continuare a passare via internet, anche se qua uno può scegliere quello che legge, mentre la tv inculca nelle menti in maniera passiva la malinformazione …..

     
  8. francy

    14 maggio 2012 at 10:17

    come sono felice… spero che presto tutti si accorgano che stare in salute significa essere vegetariani o vegani. .. sono vegetariana da 25 anni e vegana da 3… sono soda, snella, dimostro 20 anni di meno, non soffro di nessuna malattia, non prendo medicinali, e sono in pace con me stessa per non essere complice di omicidi di creatura innocenti.

     
    • skotolpji

      14 maggio 2012 at 11:35

      Quindi e` bene non cominciare ad esserlo troppo presto, altrimenti si rischia di non esistere piu`, non tanto per la salubrita` del latte materno, quanto perche’ se un lattante ringiovanisce di 20 anni non ha speranza di sopravvivere. Scherzi a parte e` una testiomonianza che vale per quel che vale, ovvero un singolo caso e non v’e` certezza, ne’ modo di sapere come sarebbero andate le cose con una dieta diversa negli ultimi 20 anni. Molto certamente lo fanno i geni, gli ultracentenari in salute lo sono e probabilmente lo sarebbero stati (o almeno molto longevi) anche con diete diverse.
      Comunque, chiaramente e veramente, le diete vegetariane se fatte con attenzione alla proteine assunte, credo siano salutari, sia personalmente, sia all’ambiente e allo sfruttamento delle sue risorse e certamente anche per non essere carnefici verso altri animali non umani.
      Detto questo, personalmente non sono mai stato un patito della carne, pero` certi piatti, anche a base di carne, fanno parte di me, nel senso della mia tradizione e memoria, mi fanno essere me stesso, quei gusti che risalgono alla mia infanzia. Certamente e` anche una questione di educazione. Credo mi potrei trovar bene ad essere vegetariano 5 o 6 giorni su 7, come una volta per ragioni economiche, tendevano ad essere.

       
    • Angelo

      14 maggio 2012 at 11:57

      :-))))))))

       
    • ashash

      9 settembre 2012 at 13:15

      Ahhhh grazie a te ho una disponibilità di carne più elevata! Pazienza se morirò di cancro pe ril troppo porcetto 🙂

       
  9. Mauriziomarco Musi

    14 maggio 2012 at 19:49

    che bello leggere cose scritte con nessun interesse se nn quello positivo dell’informazione e della salute comune..(nndimeno l’aspetto etico ed ecologico ) continuiamo !!!

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: