RSS

ALLUMINIO NELLA NOSTRA ALIMENTAZIONE

30 Nov

 NEGLI ULTIMI 30 ANNI

Si è visto un aumento costante di alluminio presente nella nostra dieta ed anche nell’ambiente. Molti cibi spazzatura, caramelle colorate, agenti lievitanti, aspirina tamponata contengono additivi a base di alluminio. E’ un comune additivo alimentare e si trova in alimenti come il formaggio fuso, sale da cucina, sottaceti, farina bianca, preparati per pasta, miscele di torte, panna non casearia, vaniglia in polvere e alcuni ciambelle e cialde ed alcuni tipi di latte per neonati. L’alluminio è dannoso a tutte le forme di vita. Danneggia tutti i tipi di tessuto.

 L’ALLUMINIO E’ UN VELENO PROTOPLASMATICO

e una neurotossina perniciosa e persistente. Nessun sistema vivente utilizza l’alluminio per i processi biochimici. Ha la tendenza ad accumularsi nel cervello e ossa. E’ in condizioni normali molto meno tossico del mercurio, arsenico, piombo o cadmio, ma è molto più comune nel nostro ambiente, e sembra anche essere più persistente rispetto alla maggior parte degli altri veleni metallici. Il pericolo è quello che si manifesta solo nei periodi di tempo lunghi. È quindi prudente evitarne il consumo. Evitarlo è attualmente il miglior modo per proteggerci dai gravi danni a lungo termine che possono derivare dalla ingestione.

 LE DONNE IN GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

I giovani e gli anziani sono a rischio. Il modo più efficace per preservare la nostra acutezza mentale negli anni sembra essere quello di eliminare le fonti di alluminio dalla dieta.Si possono adottare misure per minimizzarne gli effetti.

La risposta più efficace è;

Evitarlo

Bloccarne la sua assunzione con integratori (calcio, magnesio, ferro)

Mangiare alimenti che aiutano ad eliminarlo dal corpo umano. Frutta, verdura ed alcune alghe.

Materiali di consumo in alluminio contaminati sono ormai molto comuni. Essere consapevoli delle fonti è il primo passo per l’eliminazione. La rimozione di alluminio dalla nostra dieta può essere abbastanza facile se viene assunto un approccio graduale.

 IL SINTOMO PRINCIPALE

Di avvelenamento da alluminio, è la perdita della funzione intellettuale, smemoratezza, mancanza di concentrazione, e in casi estremi, la demenza conclamata. E’ anche noto per provocare rammollimento osseo e perdita di massa ossea, danneggiamento del rene e altri danni ai tessuti molli, in dosi elevate può causare arresto cardiaco. Molti che hanno assunto una dieta a basso contenuto di alluminio hanno segnalato una riduzione della irritabilità e di mal di testa e significativi miglioramenti nella memoria e capacità di concentrazione. I genitori hanno riportato miglioramenti nei bambini affetti da problemi comportamentali.

 SUCCO D’ARANCIA IN CONTENITORI DI ALLUMINIO TRATTATO NON E’ CONSIGLIATO

Judie Walton, un ricercatore australiano ha scoperto che l’assorbimento da parte cervello potrebbe aumentare di dieci volte data la presenza di acidi di frutta. I composti di alluminio possono essere tossici come il piombo in determinate condizioni.Le fibre nervose aggrovigliate nel cervello di persone affette dal morbo di Alzheimer contengono una quantità insolitamente elevate di alluminio.L’ebollizione dell’acqua in pentole di alluminio produce tossine idro-ossidi, la pancetta fritta nella padella rilascia nitrati e la carne bollita cloruri.

 

Additivi da evitare :

Questi sono solo alcuni degli additivi usati nei prodotti alimentari:

E173, E520, E521, E523 E541, E544, E545, E546, E554, E555 E556, E559.

fonte : naturalnews.com

Redatto da Pjmanc  http://ilfattaccio.org

Annunci
 
5 commenti

Pubblicato da su 30 novembre 2011 in Attualità

 

Tag:

5 risposte a “ALLUMINIO NELLA NOSTRA ALIMENTAZIONE

  1. icittadiniprimaditutto

    30 novembre 2011 at 09:19

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     
  2. Daddy

    21 febbraio 2012 at 07:58

    e con le chemtrails come la mettiamo? La presenze di alluminio nelle acque e nel suolo è cresciuta in modo esponenziale negli ultimi anni, per non parlare poi di tutti gli altri metalli pesanti, ormai li respiriamo! Per non parlare poi della presenza nei farmaci, nei vaccini, pesticidi, padelle e pentole… la domanda dovrebbe essere: quali sono le terapie chelanti realmente efficaci?

     
    • letizia

      6 aprile 2012 at 16:45

      edta endovena. Nessuna controindicazione in linea di massima. Ma soggetti sani con fegato sano non dovrebbero accumularlo. Ma se si hanno difetti genetici non lo si smaltisce e purtroppo ci se ne accorge solo ai primi manifestarsi di malattie come sclerosi multipla, parkinson, alzheimer… Meglio prevenire!

       
  3. Cri

    3 aprile 2012 at 14:40

    i vaccini, sia quelli per gli anumali che quelli per gli umani contengono alluminio. Che provoca canri al seno (per le donne) e il NEURO-FIBRO-SARCOMA, un maledetto cancro che spesso scoppia negli animali come nei bambini entro i due anni di eta’. Per chi ha la pazienza di farlo e sa l’inglese, in internet ci sono molte pubblicazioni. Da considerare seriamente la ricerca fatta dai ragazzi della Kent University.
    A vostra disposizione per altri dettagli.
    C.

     
  4. direkteur

    7 aprile 2012 at 23:01

    Reblogged this on Il Sanlurese.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: