RSS

Bambini e vaccinazioni “obbligatorie”: qual’è la realtà?

25 Nov

 NEGLI ULTIMI ANNI

Ho avuto modo spesso di parlare di vaccini relativamente ai sospetti e ricorrenti episodi di “pandemia” internazionale, potendo così svelare ai lettori, come – attraverso l’utilizzo di massa dei vaccini – si possa da un lato sostenere economicamente l’industria farmaceutica mondiale e dell’altro – cosa ancor più grave – produrre all’infinito “clienti” alle stesse industrie.Con l’inoculazione di un vaccino, è possibile – in maniera del tutto occulta – fare dell’organismo umano un po’ ciò che si vuole. Chi è quel cittadino che, prima di farsi iniettare il vaccino X ne fa verificare il contenuto in un qualche laboratorio di analisi? E nel caso remoto lo faccia, chi garantisce che l’analisi sia effettuata rispettando il Diritto del Cittadino e non i parametri stabiliti a tavolino dalle Lobby farmaceutiche? Ed ancora: nel caso in cui si facesse analizzare il contenuto del vaccino, quanti cittadini sarebbero poi in grado di stabilire come i componenti del medicamento possono agire contro la salute?E’ un bel dilemma. Di non facile soluzione. E nemmeno comprensione.Sta di fatto, che per alcuni anni, miliardi di persone su questa terra hanno subito l’inoculazione di sostanze che, nella migliore delle ipotesi hanno aggiunto componenti all’organismo che proprio bene non fanno come lo squalene o il temutissimo Mercurio.

SE POI SI PARLA DI BAMBINI IL DISCORSO PRENDE CONNOTAIONI DA FILM DELL’ ORRORE

Da molti anni, in Italia esistono alcuni vaccini “obbligatori”. Cosa significa l’obbligatorietà in questo caso? Significa che, da un accordo fra classe medica e mondo politico, è scaturita l’assoluta necessità della vaccinazione infantile come titolo imprescindibile – ad esempio – per poter effettuare le iscrizioni scolastiche obbligatorie anch’esse. Ergo: ti nasce un bambino. DEVI vaccinarlo obbligatoriamente, altrimenti il Sistema farà in modo che il bimbo – non appena  raggiunta l’età scolare – non potrà accedere al Diritto/Dovere all’istruzione. Una coercizione. Nata da un’altra coercizione che è l’obbligatorietà dell’Istruzione.Abbiamo quindi, da un lato l’Industria farmaceutica che, attraverso i suoi “agenti” (i Medici) sviluppa il business dei vaccini e dall’altro uno Stato consenziente, che agevola le case farmaceutiche attraverso l’obbligatorietà delle vaccinazioni infantili. Non se ne esce: il genitore che dovesse opporsi a tali regole, deve sapere in tempo utile quali saranno poi le “conseguenze” sociali su suo figlio.Forse sarebbe meglio, da un punto di vista etico, informare i genitori sugli effetti – a volte devastanti – delle vaccinazioni infantili. Ed anche – non da meno – sul fatto che in alcuni casi non esistono studi in grado di confermare l’assoluta innoquità delle vaccinazioni.

 DIRITTI ALIENATI

La nostra Costituzione, per come è ancor oggi concepita, rispetta la decisione del cittadino in ordine di cure e di conseguenza di vaccinazioni che può o meno decidere di effettuare. Su se stesso o sulla prole. Ma l’accordo nell’asse Lobby farmaceutiche/Stato, ha in pratica cancellato – da decenni  –  questo Diritto. Se andiamo poi a scandagliare un pò nel mondo delle vaccinazioni infantili, scopriamo ancor più una serie inesauribile di “difetti” nel sistema oleatissimo di cui si parla in questo articolo. Nasce un bimbo. Una gioia. I primi giorni sono un parapiglia, per tutta la famiglia. Passano i giorni, arriva il battesimo. I genitori pian piano si omologano ad uno stato di vita totalmente diverso. Pappe, orari, notti in bianco. Ma la gioia di un figlio, non è paragonabile a nulla. Passa qualche mese, e ad un certo punto, ecco che il bimbo si ritrova – in qualche modo – ad entrare nella così detta “Società civile” da protagonista. E qual’ è il primo passo per entrare a tutti gli effetti nel mondo in cui si è nati? La vaccinazione “obbligatoria”. Per la prima volta infatti, l’essere umano “deve” assoggettarsi ad una norma, una regola, una coercizione. Pena l’emarginazione dal Sistema Sociale ed i sorci verdi che la mancata vaccinazione porterebbero con essa. Tutti ancora da dimostrare.

 QUI INIZIA LA STORIA DI UN ABERRAZIONE NEL SISTEMA DEI DIRITTI UMANI

Quell’”Obbligatorietà” delle vaccinazioni infantili – infatti – ha più il sapore di un tornaconto economico che di vera attitudine alla salute dell’Essere Umano. Vi basti sapere , che in Italia alcuni vaccini “obbligatori” sono in realtà “vaccinazioni raccomandate” e quindi, dovrebbero essere liberamente accettati o meno. Eppure, nessun medico, nessuna ASL, nessuno vi dirà mai che in realtà, potreste scegliere se effettuare alcune vaccinazioni su vostro figlio. Le vaccinazioni obbligatorie ad oggi nel nostro Paese sono: antidifterica, antitetanica, antipolio e antiepatite B. Quelle “raccomandate” – e quindi NON obbligatorie – il morbillo, la rosolia, la parotite e le infezioni causate da un particolare batterio, l’Haemophilus influenzale b (Hib). Qual’è il misfatto? Che è ormai uso comune, iniettare nell’organismo dei piccini la famosa “esavalente”, in pratica un Super vaccino che salverebbe preventivamente da tutto il ventaglio di patologie.  Senza però in questo modo porre i genitori nella possibilità di scegliere se effettuare o meno sui propri figli anche le vaccinazioni solamente “consigliate”. E nella difficoltà di reperire i vaccini nella sola forma trivalente + 1 (vaccini obbligatori) risiede la cancellazione di un Diritto umano ed anche al Diritto di cautelare i propri cari. Così, se vi doveste trovare a dover assolvere l’obbligatoria vaccinazione al vostro piccolo, potreste trovare qualche muro duro da gettar giù nel caso in cui decideste di NON accettare i “vaccini consigliati” e NON obbligatori relativi ad eventuali malattie contagiose che potrebbero aggredire la prole. In tutto questo però, nessuno parla di una proposta/richiesta della Comunità Europea: dal 2009 infatti, si dibatte per rendere solo “consigliabili” le vaccinazioni infantili che ad oggi appaiono ancora “obbligatorie” E quasi nessuno sa, che in alcune Regioni Italiani quali ad esempio il Veneto la Toscana il Trentino ed altre ancora, hanno approvato in fase sperimentale la NON obbligatorietà delle vaccinazioni, in risposta alle richieste della Comunità Europea. Di fatto, queste Regioni hanno aperto alla possibilità – per i cittadini italiani – di avvalersi di un Diritto formalmente riconosciuto ma disatteso nella pratica quotidiana: la scelta. A questo punto, siete messi nella possibilità – almeno – di sapere cosa, come e se farlo e  perchè.  Il resto, lo lasciamo al buonsenso di chi deve prendersi cura del benessere umano e non delle casse delle Lobby farmaceutiche. Che in ogni caso, pensano solo al tornaconto ed ad assicurarsi – per sempre – milioni e milioni di clienti. Ad ogni costo.

 

fonte : http://oknotizie.virgilio.it/

Redatto da Pjmanc  http://ilfattaccio.org

Annunci
 
8 commenti

Pubblicato da su 25 novembre 2011 in Multinazionali

 

Tag: ,

8 risposte a “Bambini e vaccinazioni “obbligatorie”: qual’è la realtà?

  1. Associazione Riprendiamoci il Pianeta

    25 novembre 2011 at 08:38

    vi segnaliamo importante conferenza:
    “Trappole mortali : sanità,debito pubblico,inquinamento,scie chimiche”
    Il 4 dicembre a MOLA (Bari) per maggiori informazioni:
    http://riprendiamociilpianeta.it/?p=1815
    grazie per l’ attenzione
    Associazione Riprendiamoci il Pianeta
    Info@riprendiamociilpianeta.it

     
  2. icittadiniprimaditutto

    25 novembre 2011 at 09:01

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

     
  3. giorgio tremante

    25 novembre 2011 at 18:11

    UN GRANDE EVENTO, PER LA “PRIMA VOLTA AL MONDO”.
    Al Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, e a tutti i Capi di Stato del mondo.
    Questo toponimo, nel quale sono incisi solo due nomi, Marco e Andrea Tremante, vuol raffigurare l’immagine di moltissimi altri esseri, per ora, ancora senza nome che sono stati immolati sull’altare di una pseudo-scienza speculativa che, ancora domina nel nostro Stato sul piano economico imponendo il suo volere che si traduce nell’obbligatorietà della pratica vaccinatoria. Solo la Regione Veneto, in tutto il nostro Paese, l’ha tolta ufficialmente fin dal gennaio 2008. Perché le altre regioni italiane non hanno seguito questo esempio? Perché il dramma delle reazioni avverse, anche mortali, alle vaccinazioni è stato e vuole ancora rimanere un “TABU’”? Perché queste “VITTIME” non sono ancora considerate “EROI” come chi è deceduto in guerra, si dice, per il bene della Patria? Le chiedo, signor Presidente, di fare appello alla sua sensibilità e alla coscienza di ogni italiano, che lei legalmente rappresenta, in modo tale che anche queste sfortunate creature possano riposare in pace avvolte dal “tricolore”.
    Giorgio Tremante, padre di Marco, Andrea e di…..Alberto.

     
  4. giorgio tremante

    25 novembre 2011 at 18:12

    QUANDO UNO STATO DIVENTA “ASSASSINO”?
    QUANDO, VENENDO A CONOSCENZA DI INNUMEREVOLI EFFETTI NEGATIVI GRAVI CAUSATI DALL’USO INDISCRIMINATO DI CERTE PRATICHE, ANZICHE’ RENDERLI PALESI, LI NASCONDE E MANTIENE INALTERATO L’OBBLIGO DI QUESTE PRATICHE PSEUDO-SANITARIE ALTAMENTE PERICOLOSE, SENZA NEMMENO CURARSI DI PREDISPORRE ACCERTAMENTI PREVENTIVI FATTIBILI PER EVITARE LE POSSIBILI CONSEGUENTI TRAGEDIE.

    http://www.facebook.com/?sk=messages&tid=1694710127856#!/photo.php?fbid=1017122520708&set=a.1017113160474.2003342.1604470486

     
  5. giorgio tremante

    25 novembre 2011 at 18:14

    I VACCINI NON SERVONO – NON PROTEGGONO – FANNO SOLO MALE (QUANDO NON UCCIDONO) !

    Questa è la locandina che il Comune di Verona ha fatto stampare per la Cerimonia d’intitolazione del giardino ai miei figli Marco e Andrea “VITTIME DEI VACCINI”.
    E’ mia precisa intenzione creare una “FONDAZIONE” per la ricerca di “TUTTI” i danni provocati dai vaccini.

     
    • Rosanna

      30 novembre 2011 at 10:28

      Io da quando ho smesso di fare il vaccino anti-influenzale, non mi sono più ammalata!

      Se prendo un raffreddore è solo perchè ho preso un colpo d’aria, magari in un momento in cui ero particolarmente accaldata; il chè è del tutto naturale…

      Quello che ci tiene in trappola spesso è la non conoscenza;
      molti che fanno il vaccino regolarmente, continuano a farlo solo perchè temono che smettendolo potrebbero andare incontro a chissà cosa…

       
  6. giorgio tremante

    25 novembre 2011 at 18:14

     
  7. Celestino Ferraro

    30 novembre 2011 at 11:29

    Solo parlando della poliomelite mi vengono i brividi. Migliaia di bambini, anni 40 e 50, morivano o restavano deformi nell’ambulaziobe. La vaccinazione li ha salvati. La difterite uccideva, per non parlare del vaiolo che uccideva e deturpava. E’ ovvio che le eccezioni possono essere temute, ma negare le vaccinazioni sarebbero un suicidio. Speriamo bene.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: